Inktober 2018 #27

Inktober 2018 Day 27  Thunder

Inktober2018 Day 27
Annunci

La rana della verità

In verità questo articolo c’entra ben poco con gli animali, almeno quelli vivi, se non che l’ignaro soggetto degli scatti per i test effettuati è proprio una rana.

L’idea del test è nata dopo una discussione tra colleghi di lavoro, quelle davanti alla macchina del caffè, in cui roteavano dubbi riguardo la differenza di immagine ripresa con sensore APSC o Full Frame, a parità di focale equivalente, naturalmente. Come molti di voi sapranno la dimensione dei sensori APSC (quelli di buona parte delle macchine reflex entry level per capirci) hanno una dimensione minore rispetto ai sensori per reflex Full Frame, per cui una foto scattata con un 50mm risulta molto più ingrandita rispetto alla stessa foto fatta con un 50mm su FF. Se volessimo scattare una foto con le stesse dimensioni dei soggetti dovremmo ridurre la focale fino al valore equivalente. Il rapporto tra le due focali è generalmente di 1,6 (almeno per Canon).

“Si, ma…. le foto fatte con il vecchio 50mm della reflex a pellicola (FF) non erano le stesse di quelle fatte con APSC, anche usando proporzioni equivalenti, le APSC modificano comunque l’immagine”. L’effetto nostalgia spesso frega anche me, ma, convinto del contrario, ho voluto approfondire.

Catturata la rana (è stato alquanto facile) ho piazzato la scena e fatto queste prove.

L’attrezzatura

Per le foto con APSC: Reflex Canon 450D + obiettivo Canon EF-S 15-85mm f/3.5-5.6 IS USM

Per le foto con FF: Reflex Canon 6D + obiettivo Canon EF 24-105mm f/4 L IS USM

Il test

Premesso che non è stato facile indovinare la focale precisa con la ghiera dell’obiettivo, le foto sono fatte poggiando le macchina ad una parte del tavolo facendo sempre coincidere il muso della rana con la verticale della porta sullo sfondo. Naturalmente la regola basilare da rispettare è di non modificare la distanza tra soggetto e macchina altrimenti le proporzioni risulterebbero indubbiamente diverse. Nelle immagini troverete a sinistra le foto APSC e a destra le foto FF. La messa a fuoco è sempre sull’occhio della rana con il punto centrale. Guardando le immagini si possono fare le seguenti considerazioni:

1) il 50mm APSC corrisponde circa al 80mm FF (la foto è un 73mm infatti 50*1,6=80)

2) Il 50mm FF corrisponde circa al 31mm APSC (la foto è un 29mm; infatti 50/1,6=31,25)

3) Paragonando il 29mm APSC con il 32mm FF L’area ripresa è maggiore ma le proporzioni sono le stesse. Questo significa che l’immagine non si modifica ma solo l’area fotografata è diversa.

4) Ho fatto un’ulteriore prova in Gimp con le foto che avevano le dimensioni più simili per dimostrare che effettivamente la proporzione è la stessa. Le due immagini sovrapposte risultano di dimensioni diverse a causa del ridimensionamento che ho effettuato su una delle due. L’immagine con saturazione abbassata è fatta con FF. Le due immagini sono rispettivamente la 35mm con APSC e la 50mm con FF.

Conclusione:

Foto scattate a focale equivalente hanno la stessa area e dimensione del soggetto.

Foto scattate alla stessa focale hanno aree diverse e soggetti di dimensioni diverse.

Se la distanza tra macchina e soggetto non cambia le proporzioni della scena non cambiano.

 

PS: giuro che le prove che ho fatto sono vere e che anche la stella di Natale sullo sfondo è viva e vegeta. E’ il primo anno che una stella di Natale supera l’epifania!

Mr. Hugh Jackman portrait (speed drawing)

Se l’appetito vien mangiando, la voglia vien disegnando (sarà vero?). Dopo il ritratto ad Iron man questa volta ho realizzato Wolverine interpretato dall’ormai arcinoto Hugh Jackman, indubbiamente il miglior Wolverine cinematografico di sempre (forse dovrei dire l’unico).

Stessa configurazione della volta scorsa, solo che ho posizionato la camera in orizzontale. Sebbene ci sia un effetto prospettico dovuto all’inclinazione dell’album da disegno sotto al foglio, il risultato è più arioso e più godibile. Ho speso un po più tempo con la matita leggera perché non ero molto soddisfatto del risultato ma una volta passate le ombre con la 3B e 5B tutto è tornato a posto.

Ho scoperto che, a causa della colonna sonora scelta, gli amici svizzeri e tedeschi non possono vedere i contenuti per cui spero di riuscire, nel breve termine, a caricare un video alternativo, magari esteso rispetto a questi estremamente accelerati.

Il tempo di realizzazione del disegno è stato di circa 2 ore.

Per la colonna sonora ho scelto “Mas que nada” in una versione di Dizzy Gillespie estratta dalla raccolta “Music for latin jazz lovers”.

Buona visione.

 

Robert Downey Jr (Speed drawing)

Mi sono detto: “Perchè no?”. Oltre a foglio, matite e un PC con la foto modello, ho installato una minicamera sul tavolo da disegno e via. In totale sono servite un paio d’ore suddivise in qualche serata, che ho poi rimesso insieme in un video unico e infiocchettato con musica e titoli. Durante una sessione ho purtroppo posizionato la minicamera troppo vicino al disegno e si è persa la parte della realizzazione del colletto dell’armatura. Pazienza sarà per la prossima volta.

Questa è la versione speed drawing che sposa perfettamente i tempi “internettiani” attuali. Per gli amanti del disegno che hanno più pazienza probabilmente inserirò una versione estesa.

Per la colonna sonora ho scelto “Shoot to Thrill” degli AC/DC inserita anche nel film di Iron Man. Naturalmente un ringraziamento speciale a Robert Downey Jr che è riuscito a stare immobile per l’intera esecuzione del ritratto 😉

Il prossimo? Che ne dite di Wolverine? Stay tuned!